Cassancino Ricotta e Canditi: Arancino Dolce

Congresso rimandato a Novembre | apciragusa
Congresso rimandato a Novembre
6 Marzo 2020

È una ricetta proposta da Pizzuta ProChef in versione mignon. Si chiama “Cassancino” perché mette insieme gli ingredienti base della Cassata Siciliana e quelli dell’Arancino, due simboli gastronomici di eccellenza siciliana.

Ingredienti per 10 arancini mignon da 50 g

Riso Carnaroli Italia 150g, Ricotta Vaccina sgocciolata 150g, Canditi cubetti misti 5mm, 50g;

Zucchero semolato 40g, acqua 450/500ml, Cannella 2g, Sale Marino fine 0,6g, Zafferano 0,125g

Ingredienti per Pastella e Panatura:

650ml acqua, 350g Farina 00 Tipo 1, Pangrattato media macinatura (meglio se di pane di pasta dura artigianale, con lievito naturale).

Procedimento

– Portare ad ebollizione l’acqua già salata

– Aggiungere il riso avendo cura di girarlo uniformemente; dopo 7 minuti aggiungere lo Zafferano diluito precedentemente in acqua calda; far cuocere il riso per un totale di 14 minuti.

– Giunto il riso a cottura, distenderlo in teglia e mettere subito in frigo per far raggiungere 3°C entro l’ora seguente.

– Nel frattempo, condire la ricotta vaccina con zucchero e canditi, cannella, avendo cura di amalgamare in maniera omogenea il preparato. Mettere in sac a poche e conservare in frigo 3-4°C in attesa utilizzo.

– Una volta pronto il riso per l’utilizzo, porzionarlo in 35g circa per volta, e stenderlo sul palmo della mano.

– Utilizzare la ricotta in sac a poche preparata prima, e posizionare su di esso, circa 10g di ricotta; chiudere su se stessa formando una forma conica, o anche a palla se viene più facile, prestando attenzione ad amalgamare il tutto.

– Preparare la pastella, mischiando a poco a poco la farina ed acqua, fino ad avere un liquido di media densità.

– Immergere l’arancino dolce nella pastella preparata e poi ricoprire di mollica.

– Far riscaldare in un pentolino dell’olio di semi girasole altoleico: meglio se si ha una friggitrice domestica con controllo automatico temperatura, sino a 175°C.

– Immergere l’arancino sino all’ottenimento della doratura e croccantezza del prodotto.

– Rotolare nello zucchero semolato come una frittella e servire a tavola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *